martedì 29 novembre 2016

Recensione:Mai baciare un uomo con una renna sul maglione di Debbie Johnson



 Maggie è una madre single e per lei Natale è sempre stato un'occasione per stare in famiglia, con la figlia Ellen che riempie la casa di addobbi, il padre Paddy che festeggia con un bicchierino di troppo e l'albero dall'inquietante aspetto di un elfo ubriaco.

Ma quest'anno sarà diverso, perché Ellen e Paddy saranno via per le vacanze e per Maggie si prospetta un Natale solitario tutt'altro che gioioso. Finché, pedalando per le strade innevate di Oxford, Marco Crivelli non va a sbatterle contro, entrando così di prepotenza nella sua vita, e nella sua casa, con tanto di gamba ingessata. Be', a Natale non sarà sola, dopotutto, ma farà da crocerossina a un fusto tutto pepe. Anche se ha sempre pensato che fosse una verità universalmente riconosciuta che non si deve mai baciare un uomo che indossa maglioni di Natale. O sì?




Maggie è una giovane donna di 34 anni a soli 16 anni rimane incinta di un ragazzo ,seppur molto giovane decide di dare alla lucde la sua bambina che adesso ha 18 anni. Maggie adora il suo lavoro , è una sarta che crea abiti da sposa da favola per le persone, ma  lei è rimasta in tutti questi anni bloccata in un limbo che non riesce ad uscirne gli unici svaghi che compie leggere un buon libro e fare abita da sposa da quando sua figlia Ellen è nata non ha mai avuto tempo per una relazione o per pensare a se stessa .



Dal momento in cui Maggie mette gli occhi su Marco lei è attratta da lui ma  non si aspettava che un giorno   avrebbe  parlato con lui, per non parlare di avere la possibilità di flirtare e di  ammirarlo da  vicino! Ma a volte il destino ha un modo di intervenire strano, e quando si scontrano con la bici nel bel mezzo  di Oxford finiscono entrambi a terra,per lei solo un sedere dolorante mentre  lui si  frattura la gamba.

 Quando fu abbastanza vicino da vederlo bene in faccia, si accorse che lo conosceva. Era proprio
Lui. Il Figo del parco. Il tipo con lo smoking. L'uomo che riusciva a essere sexy persino con indosso
un maglioncione natalizio. Il bellissimo fusto americano nel quale si era imbattuta più volte negli
ultimi giorni.



Marco le strinse forte la mano e si accorse che lei era ancora più intirizzita dal freddo di lui. Era
così gelata che le lacrime rischiavano di trasformarsi in minuscole gocce di ghiaccio sulle sue ciglia.
Aveva due occhi meravigliosi, enormi e limpidi, d'un verde scuro come il muschio. Due occhi che
risaltavano ancora di più sulla pelle chiara spruzzata di lentiggini e si intonavano ai lunghi capelli
ramati. Provò a immaginarsela senza il caschetto da ciclista e subito si ricordò di lei. Era la sarta con
la pistola giocattolo e il sorriso sulle labbra. La donna affascinante che aveva regalato a Luca la
decorazione natalizia che a lui era piaciuta tanto. Accidenti, com'è piccolo il mondo, pensò mentre
sopraggiungeva l'ennesima fitta di dolore.

La scintilla c'è tra loro da quel secondo incontro e più tardi, troviamo il motivo per cui Maggie è riluttante ad agire per i suoi sentimenti. L'intimità forzata, con Marco in cura nella sua casa e di dover essere una parte della sua vita, significa che arrivano a conoscersi bene. Mi è piaciuto il legame che hanno tra di loro,sembrava davvero solido e reale.





Marco e Maggie sono in viaggio verso l'ospedale, lì Maggie incontrerà il fratello di lui con la cognata incinta.
Marco sarà tenuto fermo per un po ', dovrà avere assistenza 24h su 24h .Visto che la cognata di lui e suo fratello devono partire per organizzare il battessimo del loro primo genito chi meglio di Maggie può occuparsene? Attraverso una convivenza forzata troviamo il loro rapporto che cresce pian piano,un rapporto che si instaura prima con l'amiciza per poi sbocciare in un forte amore per entrambi.



 Mai baciare un uomo con una renna  sul maglione  è emotivamente coinvolgente con favolosi personaggi principali e secondari,una storia dolce e romantica che mette tanta voglia di Natale.


Sedetevi, prendete un bicchiere di vino e godetevi il viaggio!


 



Nessun commento:

Posta un commento