mercoledì 7 dicembre 2016

Recensione:Don't let me in: Non lasciarmi entrare di Valentina G.Bazzani





 La vita di Gavin è distrutta dopo che la sua fidanzata, Vivian, muore in un incidente stradale. Il senso di colpa e la rabbia per le circostanze dell'accaduto, aprono un enorme voragine nel petto di Gavin, un buco nero che lentamente divora tutta la sua luce.
Lora, da poco arrivata a New York, è la nuova cameriera del Black Hole, il ristorante gestito da Gavin insieme al suo socio Kit.
Quando Gavin conosce Lora, il suo aspetto ingenuo e pulito in netto contrasto con un carattere solare e tutt'altro che remissivo, lo colpiscono a tal punto da chiedersi se quella ragazza possa essere la medicina giusta per curare il vuoto che c'è dentro di lui.
Quindi le fa una proposta inequivocabile, ma l'avverte: "se non sei assolutamente sicura, ti prego, non lasciarmi entrare."
Non lasciarmi entrare è il primo capitolo della serie dedicata a Gavin e Lora, un uomo che aveva perso la sua luce e una donna che a sue spese riuscirà a restituirgliela.





Voglio iniziare la mia recensione con queste frasi che dicono tutto:

 Ci sono vuoti che non si possono colmare. Crepe che non si possono aggiustare.
Ferite che non guariscono mai.

Difficile leggere queste parole e cercarsi di poter immaginare il resto della storia ma il mio intuito in questo genere non sbaglia mai.

Questa è la storia di Gavin eh si care ragazze la nostra Valentina decide di dare la parola al sesso maschile il nostro focoso,innamorato ,giovane rampollo ricco ,il nostro Gavin.




Gavin conosce la sua anima gemella  Vivian al college lei era la sua modella,Gavin ha sempre amato dipingere e Vivian si prestava come musa ispiratrice.Gavin proviene da una famiglia molto ricca della zona,da un padre architetto e che prendesse il suo posto nell’impresa di famiglia appena terminato il college.Gavin era molto bravo  negli studi, per Richard non era mai abbastanza. Cercava di soffocare ogni sua inclinazione artistica, considerandola una perdita di tempo.Quando Vivian confessa di essere incinta ha deciso che in quel momento desse maggiore precedenza sia a lei che al bambino,avrebbe vissuto solo per loro due.

Ma un brutale incidente mette di mezzo la vita dell'amata e quella del bambino,il mondo do Gavin crolla e crolla la sua luce che dava un senso alla vita.

 Mi manca tutto di lei, anche le cose che pensavo odiare. Mi manca più dell’aria che ogni giorno sono
costretto a respirare. Apro la portafinestra ed esco in terrazza. Il sole sta tramontando e tinge dei suoi
colori il ponte di Brooklyn in una luce tersa e bellissima. È per questa vista che abbiamo deciso di
comprare la casa. Ogni sera venivamo qui su a osservare il tramonto mano nella mano, sussurrando
a nostro figlio, ancora nel grembo di Vivian, quanto può essere scuro, ma anche luminoso il mondo.
Vivian era la mia luce e, ora che non c’è più, tutto mi sembra più buio.

Passano i mesi dove affrontiamo il dolore di Gavin,le parole che usa l'autrice ti entrano dentro come una lama affiliata,così si può perdere il grande amore in questo modo?Come bisogna affrontare il lutto?

Sono passati ben dieci anni,la vita di Gavin adesso è completamente diversa assieme a Kit(fratello di Vivian)hanno deciso di aprire un ristorante a Manhattan chiamato  Black Hole,ha deciso di vendere la casa che tanto aveva preso per lui e Vivian,spezzare i ricordi del passato è la prima cosa che fa,dimenticare è il secondo passo infine non innamorasi è la terza ma nel suo cammino non aveva previsto la presenza di Lora.

Il caso vuole che la nostra giovane Lora ha deciso di prendere quella casa in affito e quando una mattina decide che vuole avere le chiavi dell'appartamento per potersi sistemare al più presto va in visita al nostro scorbutico Mr Forbs alis Gavin.

 
A causa di un malinteso la nostra Lora diventa non solo coinquilina ma anche una sua dipendente.

Lora bella ragazza fragile ma coraggiosa con un passato non del tutto alla cenerentola anzi direi il contrario.Lora proviene da una famiglia dei Marines,suo padre era un marines a sua volte il fratello di lei lo diventa.Dopo la morte dei suoi genitori quando ella aveva cinque anni entrambi i figli vengono scarozzati da una famiglia affidataria all'altra,quando suo fratello giunge alla maggiore età lui decide di prendere sua sorella con sè ma anche lui l'abbandona da un giorno all'altro senza messuna spiegazione e la nostra giovane Lora si ritrova da sola e con una vita da affrontare.




Lavorare assieme per Gavin e Lora non sarà affatto facile se dal un lato suo dimostra il peggio di sè,nascondendo dentro una maschera che non vuole far aprire specialmente a lei dall'altra parte lei incerta se fidarsi o no di queglio occhioni azzuri e quelle labbra carnose che tanto la spingono tra le sue braccia.

L'autrice mette in risalto il lutto e come si affronta attraverso i ricordi e il presente di Gavin ,mette in risalto che l'anina gemella esiste ma nessuno ha mai detto che nel mondo ne esiste solo una.

Proprio sul più bello l'autrice mette un taglio alla storia 😢 adesso mi tocca aspettare il seguito per scoprire se questi due avranno il loro lieto fine.


 


Nessun commento:

Posta un commento