mercoledì 14 dicembre 2016

Recensione:Sogni sparsi di Laura Zuzolo #regaliamounsorriso





Avere diciassette anni non è facile. È l'età dei primi batticuori e dei veri amori, ma anche dei litigi con i genitori, quelli più aspri. È l'età delle uscite serali che si protraggono fino alle prime luci del mattino, della scuola da affrontare giorno dopo giorno. Ma soprattutto è l'età in cui si coltivano i propri sogni nella speranza di vederli crescere e realizzarsi. Ne sanno qualcosa Giorgia, Marta, Chiara, Cecilia e Mia, legate da una profonda amicizia che le sostiene sempre, anche nei momenti più difficili. Un'amicizia che intreccia le loro vite, assumendo i tratti di un nido in cui rifugiarsi ogniqualvolta ne abbiano bisogno. Sì, perché pur nella loro incredibile diversità, queste ragazze si colmano reciprocamente e si completano, creando un perfetto equilibrio in cui i loro sogni nascono e si fanno strada, che siano essi d'amore, legati allo sport oppure alla famiglia. Nonostante l'idillio creato dall'affetto che le unisce, sono troppo giovani per essere prive di difetti e in più di un'occasione rischieranno di mettere a repentaglio quel rapporto in cui credono tanto e i loro stessi sogni. Fra piccoli drammi e situazioni spassose, Sogni sparsi consentirà al lettore di fare un tuffo nell'adolescenza e provare emozioni mai assopite. "Sogni sparsi" è fra le opere finaliste del concorso "ilmioesordio2016".




 Sono rimasta abbastanza soddisfatta da questa lettura, scorrevole e divertente. Ho apprezzato particolarmente la scrittura, che facendo parlare i vari protagonisti (principali e secondari), ha permesso di analizzare fino in fondo le loro emozioni. 



Protagonista assoluta èl'amicizia, che per una volta prende il posto dell'amore. Infatti racconta le avventure di cinque ragazze, Chiara, Cecilia, Marta, Giorgia e Mia, le cui vite si intrecciano assieme ai loro problemi, che non mancano mai. Amicizia che rischia di essere compromessa da una serie di circostanze che portano Marta ad uscire di nascosto con Claudio, il ragazzo di cui Cecilia è innamorata fin da piccola. 

Nonostante l'indifferenza del ragazzo infatti Cecilia continua a sognare in un loro futuro insieme, nascosta dietro la sua timidezza, senza rendersi conto che lui ha perso la testa per la sua amica. La mia preferita in assoluto è Giorgia, in continuo odio e amore con Luca. I loro battibecchi non fanno altro che avvicinarli, e Giorgia è la sola che può far rigare dritto Luca. La sua passione per i cavalli è la cosa che più la lega a sua madre, nonostante lei pretenda molto dalla figlia, la quale vorrebbe sentirsi più libera e meno stressata. 

La personalità di Chiara invece è sicuramente la più esuberante e libertina. Rimasta delusa da una relazione passata, cambia ragazzo quasi ogni mese, non accorgendosi dell'amore che Fede, il suo migliore amico, prova per lei. L'ultima ad unirsi al gruppo è Mia, trasferitasi a Milano per via del divorzio dei suoi genitori. Il suo carattere è molto simile a quello di Cecilia, e per questo viene presa sotto l'ala protettiva del gruppo di amiche. 
Il suo interesse ricade subito su Andrea, l'ultimo dei tre ragazzi, il quale però è deciso a farle credere che non le interessi minimamente, per non risultare agli occhi degli amici un pappamolle. Sono molto curiosa di scoprire come andranno a finire i loro sogni..se Cecilia riuscirà ad entrare alla Scala, per la quale sta sudando tanto, e togliersi dalla testa Claudio, magari con l'aiuto del nuovo compagno di classe Alan..se Marta rivelerà il suo segreto all'amica, in modo da godersi appieno la sua relazione..se Giorgia riuscirà a far ingelosire Luca uscendo con Guido, il suo nuovo amico nel mondo dei cavalli…se Chiara lascerà la sua nuova fiamma per Fede oppure per il suo amore ritrovato, Gabri..e se Mia risolverà i suoi problemi famigliari per potersi dedicare alla conquista di Andrea..

 Spero che questo libro abbia l'adeguato successo fra le adolescenti. Io mi sono lasciata subito coinvolgere nelle avventure delle giovani ragazze, e mi auguro che lo facciate anche voi..


 



Nessun commento:

Posta un commento