martedì 6 dicembre 2016

Segnalazione #regaliamounsorriso

Data di uscita:13 Dicembre 2015
Autore:Laura Zuzolo
Titolo:Sogni sparsi #1
Genere:Romance

"Luca stava fissando il campetto da pallavolo e accanto a lui, uno dei suoi più cari amici, Tizio, si accorse della sua distrazione. Si fermò a sua volta per scoprire cosa stesse guardando, sebbene si fosse già fatto qualche idea in proposito. Seguì in linea d'aria il suo sguardo e scorse Giorgia. Centro! [...] In quel momento Giorgia si accorse che la stava guardando e non poté fare a meno di sorridere, dopodiché tornò a voltargli le spalle. Luce rimase come abbagliato.
Tizio la scrutò mentre fingeva di non prestar loro la benché minima attenzione, pur sapendo di essere osservata insistentemente. «Non è solo carina, ha qualcosa in più.»
Luca gli lanciò un'occhiata perplessa, cosicché Tizio proseguì. «Devi ammettere che è decisamente sopra la media se riesce a farsi inseguire da te, che non hai mai rincorso nessuna.»
Luca aggrottò la fronte e tornò serio. «Infatti non sto rincorrendo proprio nessuno.» sbottò. Tuttavia, continuò imperterrito a fissarla, incapace di toglierle gli occhi di dosso.
[...] Giunse di fronte a lei e le si piazzò di fronte con una certa strafottenza. «Perché sorridevi?»
Giorgia aggrottò la fronte, cercando di celare il proprio disagio. «Perché mi stavi fissando da un'ora.»
Luca sorrise beatamente, per niente imbarazzato. «É vero, ma per accorgertene dovevi per forza di cose guardarmi anche tu». Ebbe un guizzo nello sguardo. «Dunque, la domanda è: perché mi guardi?»
Giorgia affilò lo sguardo, accigliandosi. «Perché mi guardi tu, semmai!» ribatté."

Trama

Avere diciassette anni non è facile. È l'età dei primi batticuori e dei veri amori, ma anche dei litigi con i genitori, quelli più aspri. È l'età delle uscite serali che si protraggono fino alle prime luci del mattino, della scuola da affrontare giorno dopo giorno. Ma soprattutto è l'età in cui si coltivano i propri sogni nella speranza di vederli crescere e realizzarsi. Ne sanno qualcosa Giorgia, Marta, Chiara, Cecilia e Mia, legate da una profonda amicizia che le sostiene sempre, anche nei momenti più difficili. Un'amicizia che intreccia le loro vite, assumendo i tratti di un nido in cui rifugiarsi ogniqualvolta ne abbiano bisogno. Sì, perché pur nella loro incredibile diversità, queste ragazze si colmano reciprocamente e si completano, creando un perfetto equilibrio in cui i loro sogni nascono e si fanno strada, che siano essi d'amore, legati allo sport oppure alla famiglia. Nonostante l'idillio creato dall'affetto che le unisce, sono troppo giovani per essere prive di difetti e in più di un'occasione rischieranno di mettere a repentaglio quel rapporto in cui credono tanto e i loro stessi sogni. Fra piccoli drammi e situazioni spassose, Sogni sparsi consentirà al lettore di fare un tuffo nell'adolescenza e provare emozioni mai assopite. "Sogni sparsi" è fra le opere finaliste del concorso "ilmioesordio2016".


 "Luca annuì e distolse lo sguardo. Doveva essergli costata molto quella confessione, aveva svelato un lato di sé che difficilmente avrebbe manifestato. Giorgia era quasi commossa. Si avvicinò e gli accarezzò il volto con una mano. Quel semplice contatto fu più intimo di un bacio. Luca le prese la mano nella sua e sorrise. «Ti accompagno a casa?»
Lei annuì. Aveva i capelli portati indietro dalla brezza notturna e la pelle bianca era il riflesso della luna nel cielo. Gli occhi, grandi e sinceri, si specchiavano nei suoi con un’intensità mai percepita prima. Le cinse le spalle con un braccio e la condusse via con sé, nel silenzio più assoluto. A volte le parole rischiavano di rovinare un momento perfetto."





Data di uscita:2 Novembre 2016
Titolo:Stelle cadenti e sogni infranti #2
Autore:Laura Zuzolo
Genere:Romance

Chiara seguì la direzione del suo sguardo perplesso, finendo per scontrarsi con gli occhi divertiti di Samuele. Si affrettò a scuotere la testa, cercando di nascondere l'ovvio. «É complicato.» disse a mo' di spiegazione. Federico annuì e mormorò:«Sì, immagino.»
Risuonò sarcastico perfino alle sue stesse orecchie, così aggiunse:«Se vuoi parlarne...»
Non concluse la frase, ma il semplice fatto che il suo più caro amico fosse disposto a dialogare con lei come avevano sempre fatto la commosse. Chiara inspirò profondamente per farsi forza e indossò la maschera che tutti erano abituati a vederle addosso.

Trama

Cosa succede quando ci si innamora del ragazzo di cui è infatuata la propria amica del cuore? E se il suddetto ragazzo ricambiasse senza riserve? È con questi interrogativi che abbiamo lasciato Marta e Cecilia, vittime involontarie di un triangolo amoroso che non è destinato a durare: Claudio ha occhi solo per Marta e l'ha convinta a frequentarlo, peccato che Cecilia, da sempre innamorata di lui, sia all'oscuro di tutto. Ciò comporta un'intricata spirale di bugie e omissioni che coinvolge inesorabilmente le migliori amiche delle due ragazze, assorbite dai rispettivi problemi sociali e famigliari: Chiara ha ripreso a fare ginnastica artistica, lo sport che le ha dato e tolto tutto per quanto riguarda l'amore e l'amicizia; Giorgia è alle prese con un estenuante tira e molla con il ragazzo più conteso della scuola, che, però, gode di una reputazione da duro e sembra non volersi impegnare; Mia, infine, deve vedersela con il doloroso divorzio dei genitori. Fra contrasti e sentimenti svelati, le Sognatrici di questa storia dovranno impegnarsi con tutte sé stesse per mantenere intatta la preziosa amicizia che le lega e per portare avanti le proprie ambizioni. "Stelle cadenti e sogni infranti" è il sequel di "Sogni sparsi", per cui è consigliabile leggere il primo libro per comprendere al meglio la storia.



 «Non chiedermi il motivo che mi ha spinto a mettermi con tutte le ragazze con cui sono stato, perché non te lo so dire. Nessuna mi ha mai interessato davvero prima di te, nessuna mi ha fatto sentire così...»
Giorgia lo fissò, in attesa. Luca sorrise, forse imbarazzato o forse sorpreso dalla sua stessa ammissione, chissà. «...Così.»
Lei sorrise smorfiosa e piegò la testa da un lato, ora più serena. «Così come?»
Luca si avvicinò pericolosamente alle sue labbra, sfiorandole. «Così preso.»
La baciò con trasporto, gustando appieno la sensazione della sua bocca impreparata. La sentì sorridere, poi anche lei lo baciò e gli affondò le dita nei capelli, assaporando il contatto con le sue labbra.

Nessun commento:

Posta un commento