mercoledì 11 gennaio 2017

Intervista a Marilyn Aghemo





1)Eccoci qui, prima di iniziare raccontaci un po’ chi è Marilyn Aghemo

37 anni, sarda con un nome difficilissimo da portare. Amo viaggiare, scrivere, fotografare,
raccontare e conoscere. Sono una persona decisamente determinata, sarcastica e faticosa
da sopportare.

2)Fatti e personaggi del tuo libro sono reali, sei tu la protagonista?

Si, Morgana è la parte simpatica di me...quella più divertente, meno noiosa e molto più
spregiudicata! Sono anche figlia unica... ma ho un amico che è come un fratello , con tutti i
pregi e difetti del “fratello di Morgana”.

3)La scelta del titolo è stata semplice oppure combattuta?

Il vero titolo del libro era “Torno Subito”, ma ho dovuto cambiarlo con Diario di Morgana
per motivi commerciali e di stile.

4)Cosa hai cercato di trasmettere con questo libro?

E' stato scritto per gioco e per divertimento. Vorrei trasmettesse questo anche chi lo
legge: divertimento e voglia di “non pensare ai soliti problemi” .

5)A chi consiglieresti il tuo romanzo e per quali motivi?

A chiunque piaccia il genere, che abbia voglia di leggere una storia di vita reale ed
appassionarsi alla stessa, in attesa della seconda parte.
Avete presente quando vi sedete sul divano e guardate il vostro telefilm preferito?
Ecco...lo consiglio proprio a voi.

6)Che cosa significa per te scrivere? Quali emozioni hai provato una volta finito di
scrivere il tuo romanzo?


Scrivere è un anti-stress, un divertimento ed un modo per perdersi in un mondo parallelo.
Quando ho finito di scrivere il racconto, mi sono emozionata....non ci credevo
assolutamente.

7)A chi l’hai fatto leggere per primo?

Le mie due amiche (presenti anche nel racconto) Patrizia e Cristina hanno letto passo
passo il racconto, dalla prima all'ultima pagina.

8)Vorresti ringraziare qualcuno in particolare per questo traguardo raggiunto?

Chi ha creduto in me e mi ha detto di andare avanti...non faccio nomi...loro sanno di chi
parlo.

9)Sei già alle prese con la scrittura del seguito? Ci puoi anticipare qualcosa?

Il seguito è quasi finito. Ci saranno sempre i miei amici ed un nuovo arrivo, che creerà un
po'di problemi...

10)Infine ci racconteresti un aneddoto legato alla scrittura del tuo romanzo?

Come abbiamo già detto, le vicende sono quasi tutte reali (condite da un po' di fantasia in
alcuni punti), ma i messaggi tra me, Cristina e Patrizia sono tutti verissimi...senza
variazioni: è stato divertentissimo!

Nessun commento:

Posta un commento