giovedì 26 gennaio 2017

Recensione:Ti sposo ma non ti conosco di Derek Stevens e Josephine P.




 Cosa può essere accaduto a due perfetti estranei per ritrovarsi ammanettati al letto di un albergo a duemila miglia da casa?
Lui non lo sa. Non sa nemmeno chi è.
Lei non lo sa. Sa solo che non dovrebbe essere lì, vestita da sposa in una suite da luna di miele. Perché si trova lì? E come ci è finita in quell’abito bianco?
Tutto sembra non avere senso e quando le cose sembrano andare meglio, ecco che compaiono documenti falsi per entrambi, una Colt semiautomatica, un test di gravidanza positivo e due loschi individui determinati a trovarli a qualunque costo!
Non c’è tempo per pensare o per ricordare, ma solo per fuggire e riuscire a capire che diavolo è successo il giorno prima, di cui entrambi non ricordano nulla.
Una fuga senza esclusioni di colpi, dove ogni certezza crolla miseramente, ogni ricordo viene stravolto da ciò che scopriranno e le carte del destino si rimescolano ogni volta.
Un viaggio che porterà i due protagonisti a percorrere l’intera America fino al definitivo colpo di scena.
"Ti sposo ma non ti conosco" è un romanzo ricco di suspense, mistero e azione con una vena comica e romantica.


Se siete stufi delle solite storie d’amore e avete bisogno di un libro fresco e divertente, questo è quello che fa al caso vostro! La storia che viene raccontata non è certo una storia d’amore come tutte le altre, niente baci e carezze, ma tanto, tanto mistero! Ed è proprio questo il punto forte del libro, che ti tiene incollato alle sue pagine.





 Voi cosa fareste se vi ritrovaste ammanettati a un letto con uno sconosciuto? Uno sconosciuto che per di più non ricorda nulla della sua vita? E soprattutto vestiti in abito da matrimonio?? Beh sono certa che vi mettereste a urlare proprio come Jane, che non sa come ma si ritrova a vivere una vita che non è di certo la sua. La storia inizia così, in modo divertente e imprevedibile, ma ti cattura subito e dopo poche pagine ti ritrovi anche tu a domandarti “Ma chi sono questi due poveretti? Chi ce l’ha con loro??”.

È stato fantastico leggere le loro divertenti reazioni di fronte a tutte le scoperte che facevano pagina dopo pagina, e che portavano solo ad altri interrogativi. Infatti mentre Jane si ricorda tutto della sua vita almeno fino a due giorni prima, l’uomo ammanettato al suo fianco (del quale non vi dirò il nome per non svelarvi troppo) non ricorda proprio nulla, ha perso tutta la sua memoria, e si aggrappa all’unica certezza che sembra avere in quel momento: Jane! Forse avrei preferito un po’ più di dettagli sulla nascita del loro amore, che si sviluppa mentre si ritrovano in viaggio verso New York, l’unico posto che sembra possa dargli almeno alcune delle risposte che tanto cercano.

Il libro è molto corto e scorrevole, ed è caratterizzato principalmente dal mistero sulla vera identità dei due protagonisti e i continui imprevisti che si ritrovano ad affrontare, quindi proprio per questo avrei lasciato un po’ più di spazio ai loro sentimenti.


Rimango comunque soddisfatta di questa lettura che alla fine mi ha lasciata letteralmente a bocca aperta ed entusiasta.

Mi dispiace non potervi raccontare di più, ma se lo facessi vi svelerei tutto quello che rende questo libro così piacevole, quindi buttatevi anche voi come hanno fatto i due protagonisti




1 commento:

  1. Grazie per la recensione! Josephine & Derek

    RispondiElimina