sabato 21 gennaio 2017

Recensione:Charlotte,la storia della piccola Bronte di Antonella Iuliano






Sono trascorsi pochi anni dalla fine della guerra nella quale Charlotte Stevens ha perso suo padre. Adesso vive con la madre e l’anziana nonna in un paesino nell’entroterra del Suffolk, in Inghilterra, ma nulla sembra soddisfare il suo animo irrequieto, nessuna vera aspirazione è in grado di farle sognare il domani. I suoi giorni di sedicenne si trascinano monotoni fino a quando, in un tedioso pomeriggio, s’imbatte in un libro, un romanzo destinato a cambiarle la vita per sempre: Cime tempestose di Emily Bronte. L’incontro travolgente con le pagine dell’autrice vissuta un secolo prima accende in lei il desiderio smanioso di emozionarsi ancora e ancora, semplicemente leggendo. Sulle tracce di chi ha scritto la romantica a tetra storia di Heathcliff e Catherine, Charlotte conosce una donna che nel suo elegante salotto custodisce tesori preziosi, i grandi classici della letteratura. Qui fa la “conoscenza” di Charlotte Bronte quando la signora Chloe le affida una copia di Jane Eyre. È l’inizio di un grande amore letterario, di un viaggio senza ritorno, di pomeriggi d’incontri e di letture accompagnate da fumanti tazze di tè che pian piano dissipano le nubi all’orizzonte e portano la ragazza a scoprire la propria vocazione: la scrittura. Ma mentre la donna e la ragazza vivono immerse nella dolce fantasia letteraria, la vita ha già scritto per loro la sua trama.




Sono lieta oggi di parlarvi di questo libro, scorrevole e piacevole, che ti cattura con la sua storia. Attraverso Charlotte permette di rivivere quei momenti che hanno caratterizzato ognuno di noi lettori.








Si perché tutti abbiamo avuto quel libro che ci aperto gli occhi, che ci ha fatto scoprire un mondo sempre pronto ad aprirci le sue porte. Ed è proprio quello che è successo a Charlotte con “Cime Tempestose”. Da quando i suoi occhi si sono posati sulle parole di un semplice libro, la sua vita è cambiata.







Grazie all’aiuto della signora Chloe, amica di sua madre e proprietaria del libro, scopre che i libri sono la sua vita e si appassiona alla storia delle sorelle Brönte. Alla proposta di Chloe di indirizzarla alla scrittura non può che accettare. D’ora in avanti tutti i suoi sforzi saranno concentrati in quell’unico obiettivo, che aiuterà anche Chloe a riscattarsi da un passato difficile. Naturalmente la storia è condita da un amore vero e sincero che combatte contro varie vicissitudini, lasciando il lettore col fiato sospeso.

 Penso però che il varo amore trasmesso dal libro sia quello per la lettura e la scrittura. Infatti è questo amore che Charlotte rivela ogni giorno sempre di più, un amore per cui sforzi, dolori e sacrifici ne varranno sempre la pena.
In questo libro muoviamo i primi passi con Charlotte e la vediamo crescere, sognare e realizzarsi, anche se per strada sarà costretta a lasciare un pezzo del suo cuore…








Nessun commento:

Posta un commento