lunedì 9 gennaio 2017

Recensione:Viktor,Il ciclo della rinascita di Francesco Leo













Vi fu un tempo in cui otto divinità nacquero dal nulla per donare la vita. Tre furono i popoli che abitarono il mondo. Nani, elfi e uomini vivevano in pace, prima che tutto cambiasse. Un leggendario conflitto. Un'antica profezia. Il destino di un eletto.










 Buongiorno lettori, oggi inizio questa recensione facendo una premessa: il fantasy non è tra i miei generi preferiti… Bene, detto questo posso dire di sentirmi abbastanza soddisfatta dalla lettura di questo libro.





Nonostante la storia inizialmente sia un po’ complicata da capire, dopo pochi capitoli appare tutto chiaro e scorrevole. Mi è piaciuta molto la capacità dello scrittore di far vivere veramente la storia attraverso il libro, con descrizioni accurate, precise e soprattutto vere. Inoltre tramite i personaggi non manca mai di lanciare messaggi e pensieri profondi e pieni di significato, come questo dialogo che mi ha colpita molto:







 Naturalmente dietro le avventure di Viktor, eletto della Stella e destinato a salvare Mirthya, non poteva certo mancare una storia d’amore. Infatti dopo vari silenzi e litigi capisce i veri sentimenti che prova per Selene, sua amica di infanzia e sua accompagnatrice nel viaggio che si trova a dover compiere, e finiscono insieme. Ovviamente da appassionata di storie d’amore non posso ritenermi pienamente soddisfatta di questa parte, ma è un fantasy, ci vogliono guerre e non amore 😀

E la guerra c’è eccome. Si prepara con il ritorno di Zergh e minaccia ogni giorno il nuovo eletto della Stella. L’idea di inserire le “rune” come forma di magia mi ha colpita molto, e ho trovato che ci sia stato un giusto equilibrio tra lotte e il resto della storia.

Riuscirà Viktor a finire il suo addestramento e sconfiggere una volta per tutte Zergh? E chi si nasconde veramente dietro Edgar, amico di infanzia di Viktor e Selene, scomparso e alla fine del libro tornato per metterli in guardia? Beh lo scopriremo sicuramente… Nel frattempo personalmente mi sento di consigliare questo libro agli amanti dei fantasy che hanno bisogno di una lettura leggera e scorrevole.


 


Nessun commento:

Posta un commento