domenica 26 febbraio 2017

Recensione:Lontano da te di Jennifer L. Armentrout







Ivy Morgan è una sopravvissuta. Rimasta orfana a diciotto anni, ha imparato molto presto a cavarsela da sola. Non permette a nessuno di avvicinarsi troppo, sia perché non vuole soffrire di nuovo sia per evitare che qualcuno le faccia troppe domande su come trascorre il suo tempo. Nessuno infatti deve sapere che, prima di morire, i genitori le hanno lasciato un compito che la costringe ad avere una doppia vita... Ren Owens è l'ultima persona al mondo per cui Ivy dovrebbe provare interesse. Invece è come se Ren l'avesse stregata: ogni volta che guarda i suoi profondi occhi verdi, Ivy sente di volere un destino diverso rispetto a quello cui è condannata, sente di volere... lui. Ma, col passare delle settimane, Ivy si rende conto di non essere l'unica ad avere dei segreti: anche Ren nasconde un lato oscuro e pericoloso, un segreto che minaccia di distruggere tutto ciò per cui lei ha lottato...





“Alla maggior parte degli umani, tipo il novantanove per cento, la donna che passeggiava lungo Canal Street con un vaporoso maxiabito sarebbe sembrata una persona del tutto normale. Una turista, magari. O forse una del posto, in giro a far compere un mercoledì pomeriggio. Ma Val e io non eravamo “la maggior parte degli umani”. Alla nostra nascita, erano stati compiuti rituali in una lingua incomprensibile per difenderci dal glamour, l’incantesimo grazie al quale loro si spacciavano per umani. Noi potevamo vedere…il mostro dietro la facciata. Quella creatura era una delle cose più letali note all’uomo.” 




Ivy appartiene all’Ordine una grande organizzazione votata alla caccia ai malvagi fae, esseri soprannaturali bellissimi e fatati con un unico piccolissimo difetto…si nutrono di esseri umani! L’Ordine tramanda di generazione in generazione un ricco e prezioso bagaglio di conoscenze dando alla vita dei loro membri uno scopo più alto rispetto alla maggior parte delle persone, quello di salvare vite umane e liberare il mondo dai fae rispendendoli e imprigionandoli nel loro mondo. 

“Non abbiamo molti benefit, ed è assai probabile che solo chi si dà al paracadutismo acrobatico abbia un’aspettativa di vita più bassa della nostra”

L’Ordine è l’unica famiglia di Ivy che ha perso i genitori, sia quelli naturali che quelli adottivi, nella caccia ai fae…ha perso in questo modo anche il suo ragazzo Shaun e ormai considera folle l’idea di innamorarsi di nuovo, di potersi di nuovo esporre a quel pericolo e a quel dolore…perché nel suo mondo la perdita delle persone a lei care le sembra inevitabile. Tutto cambierà quando incontrerà quegli occhi verdi così intensi…

“come avrei fatto a tornare alla vita com’era prima di Ren nel momento in cui l’avessi perso? Non se, ma quando, perché alla fine l’avrei perso. Era così che funzionava con me. Amavo e perdevo…”

Ivy è abituata alla sua vita intensa e pericolosa, ai turni di caccia e alle lotte coi fae, ma tutto cambia il giorno in cui incontra un essere insolito, una creatura non umana ma nemmeno i soliti fae a cui è abituata, che ora al confronto sembrano degli zuccherini…un unico criptico avvertimento per un pericolo cosi grande che sta per giungere… 

”Il tuo mondo sta per finire. Lui sta…”  

Lui…quell’uomo, quel “coso”, è un fae quasi irriconoscibile, senza la tipica pelle argentata che li rende distinguibili dagli umani, immune al tocco del ferro, a cui un paletto conficcato in pieno petto non fa batter ciglio, in grado di far apparire pistole dal nulla…immortale e imbattibile…un antico…

E’ un libro che vi consiglio assolutamente di leggere, è scritto in modo frizzante, la storia tra Ivy e Ren è mooolto sexy e il libro termina con un finale a sorpresa mozzafiato! A breve anche la recensione del seguito!

 







Nessun commento:

Posta un commento