venerdì 17 febbraio 2017

Recensione:Tutta colpa di San Valentino di Melanie Marchande




È il 14 febbraio. Sono bendata, su un jet privato, e il mio ex capo e attuale fidanzato mi dice cose eccitanti, ma non mi tocca neanche con un dito. Un giorno come un altro, insomma. Dove e quando finirà questo gioco? Non ne sono sicura. Quando si tratta della sottile arte dei giochini mentali, Adrian Risinger potrebbe continuare per tutta la notte. Seguire le regole non è mai stato il mio forte, quindi non sono sicura se il nostro San Valentino si concluderà con una punizione o un premio. Per fortuna sono abbastanza sicura di desiderare allo stesso modo entrambe le possibilità.


Carissimi lettori oggi vi parlo di una novella uscita da  un paio di giorni grazie alla Newton Compton editori,sembra fatto a posta ma ho letto questo piccolo libricino proprio ieri il giorno di San Valentino come dice il titolo della cover.



Vi ricordate i nostri Adrian e Meg? nel precedente romanzo Meg scopre che il suo capo scrive romanzi erotici sotto falso nome adesso che stanno assieme passano il loro primo San Valentino assieme ma devono riscoprire quella chimica e quella passione che lavorando a stretto contatto ogni giorno un pò hanno perso.

 Ma adesso, per la prima volta, mi rendo conto che cosa avrei dovuto sapere sin dall’inizio. Questo è
reale. Il resto era una recita. Piuttosto naturale, sì, ed è stato più facile che rischiare il dolore di
permettergli di legarsi. Guardarlo scivolare di nuovo in quel ruolo, come un vestito che calza a pennello,
fa risaltare ancora di più la verità.
«Dio, ti amo», sospira. «Ma a volte mi manca vedere quel fuoco nei tuoi occhi».
Rido sommessamente, mentre le lacrime cominciano a fermarsi. «Sarai sempre capace di farmi
incazzare. Tranquillo».

Un questa novella di circa 30 paginette il nostro Adrian per questa giornata degli innamorata fa una sorpresa alla sua fidanzata.Preparatevi ad una bella caccia al tesoro dove la nostra Meg suggerimento dopo suggerimento troverà una bella sorpresa.



Nessun commento:

Posta un commento