sabato 18 febbraio 2017

Recensione:Una relazione proibita di Melissa Castello









Lei è diventata la sua ossessione dal primo giorno in cui l’ha vista.
Lui è diventato la sua tentazione proibita dalla prima volta che l’ha baciata.
Melody è una ragazza di ventitré anni, si è appena laureata con il massimo dei voti e sogna di diventare una professoressa di liceo.
Tuttavia è osteggiata dai suoi stessi genitori che la vedono troppo fragile, minuta e con un viso così angelico da somigliare più a una bambolina che a un mastino capace di ottenere rispetto da studenti che hanno pochi anni in meno di lei.
Dopo continue liti con il padre, alla fine Melody ottiene un incarico come insegnante in un liceo ben diverso da quelle scuole prestigiose e rispettabili a cui è abituata.
La situazione che le si parerà davanti sarà difficile da affrontare e l’unico appoggio che sembrava aver trovato in un collega, Shane Mallory, alla fine si rivelerà un grande errore perché quel giovane non è altri che uno dei peggiori studenti della scuola.
Imbarazzata da quell’equivoco, si ritroverà travolta dall’interesse del ragazzo, che nutre da subito per lei una vera e propria ossessione, tanto da spingerlo a comportamenti compromettenti per Melody e a mandare all’aria tutte le buone intenzioni della giovane.
Tra baci rubati, inconfessabili dichiarazioni d’amore e incontri segreti notturni, riuscirà Melody a mettere una barriera tra loro? Oppure riuscirà Shane a far diventare sua Melody? 



Cari lettori oggi vi parlo di “Una relazione proibita” di Melissa Castello.



Una lettura davvero piacevole durata un paio di orette. La storia d’amore è quella tra Melody e Shane, due ragazzi quasi coetanei che sembrano trovarsi nel posto sbagliato al momento giusto. Lei infatti è la sua insegnate, che si troverà difronte un ragazzo difficile e scalmanato, ma con un cuore enorme.

Devo dire che i presupposti per un bellissimo libro c’erano tutti (non che lo sia eh, sia chiaro!) personaggi perfetti, scene suggestive, drammi, passione e un po’ di brivido del pericolo che non guasta mai, peccato che si sia svolto tutto troppo in fretta.

La loro storia dura veramente pochissimo, soprattutto per una come me abituata a divorarsi i bei libri. Quindi mi è dispiaciuto molto finirlo ma non essere del tutto soddisfatta, questa storia meritava davvero un approfondimento maggiore.

Non ho fatto in tempo ad innamorarmi dei due protagonisti che già stavo leggendo la parola fine. Shane il tipico casinista e pianta grane, che nasconde dentro di sé tanto dolore, Melody così piccola e indifesa, ma determinata a farsi valere per dimostrare a tutti la sua forza.

La nascita della loro storia sarà intensa e vederla crescere emozionante, nonostante accada tutto così velocemente. Resta comunque un libretto piacevole, scritto veramente bene, con una scrittura fluida e scorrevole, che avrei voluto davvero assaporare di più.





Nessun commento:

Posta un commento