mercoledì 1 marzo 2017

Recensione:Controvuoto di Ramingo Junior









C’è chi fa i conti con il passato, chi con le proprie debolezze o con i sentimenti e quindi con le persone. Io ho fatto i conti con le emozioni. Il progetto “controvuoto” nasce proprio da un’emozione, la paura per il volo.
Prima di questa avventura non mi ero mai chiesto a cosa servissero le emozioni. In realtà, se lo avessi fatto, avrei risposto che sono un ottimo premio da ricevere quando sono positive e una sorta di punizione, quasi un difetto di fabbricazione della mente umana, quando derivano da episodi negativi. Oggi non è più così.
Credo che una mia esperienza significativa non possa essere utile a chiunque, ma almeno a un altro sì. Ecco, io sto scrivendo per quest’altro, sto scrivendo per te, che come me nella vita hai qualche difficoltà a guardarti dentro.
Controvuoto è un’iniziativa senza scopo di lucro e indipendente che approfondisce temi come la fobia, la violenza, il bullismo e il razzismo attraverso il racconto delle emozioni e l’arma dell’ironia.
Il progetto si compone di un libro di esperienze fruibile gratuitamente (scritto da Antonio Junior Ruggiero con postfazione del dottor Salvatore Grammatico) e di una serie di approfondimenti video o testuali utili a comprendere l’altra faccia della paura.

Il libro “Controvuoto” è stato depositato presso la Sezione OLAF della SIAE, che amministra i diritti relativi alle opere letterarie.





“Fermate un qualunque passante preso a caso per strada e chiedetegli:
“Lei è una brava persona?”
Tutti vi risponderanno di sì, convinti di esserlo realmente.
E allora mi chiedo: se tutti sono brave persone, perché succedono tante cose cattive nel mondo?”

Sono veramente lieta oggi di parlarvi di questo “progetto” di Antonio Ruggero, libro che potete leggere tutti gratuitamente e che vi consiglio vivamente. Tramite la sua paura di volare ci apre un mondo di riflessioni e problematiche che non sempre è facile affrontare, come non lo è stato per Antonio. Proprio per questo l’ho trovata una bellissima iniziativa la sua, che mi ha fatto aprire gli occhi verso alcuni argomenti e prendere coscienza su altri.





Credo proprio che il suo intento sia non solo quello di aiutare persone che hanno vere e proprie fobie opprimenti e limitanti (come la sua), ma anche persone che all’apparenza non ne hanno bisogno, che forse a volte si nascondo solo da certe emozioni. Nonostante le sue parole lancino messaggi forti e chiari, il tono non è per niente pesante, anzi è un pizzico di ironia a fare sempre da sottofondo, che secondo me non guasta mai.

 L’ho trovato un vero e proprio viaggio, dalla consapevolezza di Antonio ad avere un problema, fino al suo impegno costante per cercare di risolverlo una volta per tutte, e non di aggirarlo come invece gli suggerisce il suo istinto.

Grazie all’aiuto dello psicologo Grammatico arriverà a conoscere le proprie emozioni, imparando a gestirle al meglio e a suo vantaggio. I temi trattati sono molti vari e tutti molto interessanti, inoltre ho trovato veramente perfetta la lunghezza del libro, con abbastanza pagine da farti riflettere ma non troppe da risultare pesante.

Davvero tanti complimenti all’autore, che ha messo le proprie emozioni al servizio degli altri, costruendo un libro che a me è stato molto utile e potrebbe esserlo anche per voi.




Nessun commento:

Posta un commento