domenica 26 marzo 2017

Recensione:Non fa più rumore di Elisa Gioia



"Ogni favola nasconde dei fantasmi. Riuscirò a lasciare andare il passato? A volte la vita è scandita da alcune scelte. Io ho passato la mia a pagarne le spese per l’abbandono di mio padre. Se n’è andato che avevo solo sette anni, mandando tutto in frantumi e lasciando dietro di sé strascichi e tante domande senza risposta. Mi sono ripromessa di non permettere più a nessun uomo di interferire con la mia vita. Sono diventata la cattiva ragazza, non sono una principessa da salvare e tantomeno ho voglia e tempo da perdere in relazioni serie. Le mie regole sono semplici: una notte, nessuna replica, nessun coinvolgimento. Fino a quando non ho incontrato Filippo e le ho infrante tutte. Ognuno ha una storia da raccontare, questa è la mia."


 Buona Domenica carissimi lettori, oggi voglio parlavi di un libro che ho letto in questi giorni.Quando mi sono approcciata a questa lettura non conoscevo il modo di scrivere dell'autrice non avendo letto i suoi precedenti romanzi per me come se fosse tutto nuovo anche i protagonisti.



Beatrice detta Bea,una ragazza di ventisei anni e con un passato pieno di cicatrici che porta dentro di se,fuori appare una ragazza determinata ,cazzuta e sexy .Sin dal prologo ho capito subito subito che qualche lacrimucica questa Bea me la faceva versare.Elisa con delicatezza sin dall'inizio parte di un prologo di una bimba ancora piccola ma capace di capire che i suoi genitori litigano spesso e con violenza,per non sentire il rumore dei vetri rotti si rinchiude nella sua stanza,il suo posto preferito diventa l'armadio e con il suo piccolo peliche,Sorriso,che non lo molla neanche per un secondo. Crescendo la nostra Bea,quando torna a casa rivede in quella casa tutto il male che ha sofferto nel corso degli anni e di tutto l'odio che prova,ma dentro all'odio si nasconde una ragazza fragile e determinata a sconfingere le sue paure.

Bea non è una ragazza romantica,non ama i fiori e i cioccolatini o i film rosa anzi tutto il contrario,ha innalzato un muro contro il sesso maschile le sue regole sono:una notte e via senza dare il numero di cellulare questa vita la porta così per tantissimi tempo fino a quando una sera al locale incontra Shake.

Shade è il barista del locale Cheers,nella stessa sera in cui Bea e Marco sui coniquilino gay decidono di andare allo speed-date che si tiene ogni giovedì sera.

Ti sembra che abbia bisogno di un appuntamento al
buio?” Ora non voglio tirarmela, ma gli occhi azzurri, i capelli biondi e le gambe lunghe sono sempre stati
un biglietto da visita più che sufficiente per rimorchiare in un locale. E ne andrei anche fiera, se non fossi
la copia sputata di mio padre. Penso a mia madre, che ogni volta che mi guarda negli occhi, rivede quelli
dello stronzo di uomo che mi trovo come padre, scritto nero su bianco, sul certificato di nascita. Siamo
due gocce d’acqua e ogni mattina, quando scorgo la mia immagine riflessa allo specchio, non posso fare a
meno di disprezzarmi un po’.
“A dire la verità sì” mi riscuote la voce di Marco. “Zuccherino, Gioia ha ragione. Se ti prendessi la
briga di parlare con un uomo, potresti scoprire, oltre al nome, al segno zodiacale e al pacco, che ha altre
doti che ti possono conquistare.”

Dopo l'abbandono del padre e di tutto il male che ha fatto a sua madre,Bea non riesce ad aprirsi con un uomo non va oltre il sesso perchè ha paura di essere ferita e di essere lasciata di nuovo sola,così Melissa sorella di Gioia gli consiglia di andare da un psicologo ,tutto si aspettava che vedere Shade vestito da camice bianco,perchè Shade è Filippo il suo psicologo.

Filippo è attratto fin sa subito da Bea e non vuole arrendersi con lei,pur lei lo tratta male più lui non si tira indietro.Perchè sa che Filippo potrebbe aiutarla nel sconfiggere i suoi demoni del passato e cercare di fidarsi di lui.




Tra i due le cose non prenderanno una buona piega,ci saranno momenti eccicanti e momenti tristi,alti e bassi come una coppia che cerca di conoscersi pur mettendo i muri d'avanti ma quei muri primo o poi verranno distrutti e l'amore vincerà su tutto.

Sono tanti gli argomenti che trattano questo romanzo,non solo di una ragazza giovanissima che cerca di rimettere i pezzi della sua infanzia e della sua vita,ma anche di una madre malata e di una malattia molto brutta,di abbandono da parte del padre...in tutto questo Elisa lo fa con parole toccanti e frasi che lasciano il segno per giorni.

“Ma so solo che ci si rialza, anche quando ti manca la terra sotto i piedi e sei completamente a pezzi. Non so come si fa a uscirne, però concediti di non essere invincibile, Bea. Arrabbiati, piangi, non fingere che vada tutto bene e di essere imbattibile. Sei forte, tesoro. Sei una delle donne più coraggiose che io conosca. Aver bisogno di qualcuno non ti rende meno forte, ma solo umana.
E devi imparare a fidarti. Hai dimostrato che puoi vivere senza di lui, ma vuoi davvero vivere senza di lui?”


Un romanzo che deve assolutamente essere letto
Un romanzo che sa toccare nel profondo
Un romanzo dove il dolore e la perdita sono parte della vita




 

Nessun commento:

Posta un commento