lunedì 17 aprile 2017

Recensione:Il mio sbaglio perfetto di Aurora Rose Reynolds




Liz ha già sofferto troppo nella vita: quando il padre è morto, abbandonando lei e suo fratello Tim, sua madre non è riuscita a gestire il lutto, estraniandosi dal mondo e trascurando i propri figli. Dopo molti anni di fatica, le cose sembrano finalmente andare per il verso giusto. Sua madre ha trovato un nuovo compagno e lei è riuscita ad aprire il negozio dei suoi sogni. Se non fosse che Trevor Mayson, scapolo d’oro della città e inguaribile Don Giovanni, ha perso la testa per Liz. La sua passione travolgente lo porterà a commettere un grosso errore, allontanandola per sempre, o almeno così sembra, se non riuscirà a riconquistare la sua fiducia e a dirle, una volte per tutte: ti amo.


 Buongiorno carissimi lettori,
adoro le feste perchè il tempo per leggere raddoppia specialmente il pomeriggio e la sera tardi ,io sto continuando di leggere questa serie che mi appassiona sempre di più con tutti questi fratelli Mayson.
Oggi tocca a Trevor fratello di Asher e Liz.
Pensavo che la storia riprendesse dal principio, invece ci troviamo in un prologo caotico che non permette di calarsi nella storia, dove non si capisce cosa ci sia stato prima tra i protagonisti



Trevor Mayson è proprio come tutti gli altri fratelli, Mayson  è conosciuto
per i suoi modi da cavernicolo delle caverne. Ha un lavoro di successo con i suoi fratelli, e ogni donna che vuole la può avere. Cioè fino a quando non incontra Liz.


 La prima volta che incontra Liz si convince che sono solo amici fino a quando la notte è nato il suo nipote. Quella notte proprio come le cose sono sempre riscaldati lui fraintende qualcosa Liz dice e pensa che lei è vergine. A causa di ciò, egli indietreggia. Ma non può lasciarsi andare completamente. Ogni volta che vede un altro uomo intorno a lei va cavernicolo e lui scappa.
Mi piaceva Trevor, soprattutto quando l'ho incontrato nel primo libro. Nel suo libro, egli dimostra di essere un alfa folle, proprio come suo fratello. Trevor era così possessivo, quando si stava comportando in modo amorevole, e romantico.



Una storia lineare, senza troppi colpi di scena.
Il solito Mayson che si ritrova innamorato dopo un colpo di fulmine, lui fa il possessivo cavernicolo, convivono al volo e lui ottiene sempre quello che vuole.


 Una storia che secondo me meritava per davvero,troppo frettoloso in tutto già dal prologo alla fine le cose avvengono in maniera accellerata è difficile amarlo per davvero.
 Inoltre l'autrice ha voluto inserire anche qui una nota di mistero, stavolta legata al fratello di Liz, Tim. Il problema è che, se nel primo libro la cosa era riuscita , in questo toppa completamente. 


 


Nessun commento:

Posta un commento