domenica 23 aprile 2017

Recensione:L'unico sbaglio che rifarei mille volte di Lauren Layne






Best Mistake Series

Sophie Dalton non ha ancora capito cosa vuole dalla vita. Ama andare alle feste, uscire e divertirsi.

Da quando un addio al nubilato a Las Vegas va storto e un uomo d’affari la scambia per una prostituta, Sophie inizia a chiedersi se non sia il momento di ripensare il suo modo di vivere. E quello che è successo a Las Vegas è destinato a non finire lì. Durante una cena con i suoi genitori, infatti, Sophie conoscerà finalmente il fidanzato di sua sorella, Grayson Wyatt. E riconoscerà all’istante proprio l’uomo che l’aveva scambiata per una prostituta! Ricco e affascinante, Gray è un uomo abituato a ottenere ciò che vuole. E non gli serve molto per capire che Sophie, intelligente, impertinente, sexy, è tutto quello che cerca. Anche se è la sorella della sua fidanzata. Così, senza pensarci due volte, la assume nel suo nuovo ufficio. E quando una serata di lavoro finisce con una dolce colazione, entrambi si rendono conto che l’equivoco è stato solo l’inizio e che qualcosa di molto, molto reale sta per scatenarsi tra loro.

Mai fare lo stesso errore due volte.
Almeno cinque o sei, tanto per essere sicuri…



 La storia si apre con Sophie vestita per una festa dell'addio al nubilato di sua cugina a Las Vegas. Si trova intrappolata in un ascensore con Gray.Sophie una giovane ragazza di ventotto anni ,dopo aver abbandanoato gli studi per divetare un avvocato ha capito che quella non era la sua strada ma quello che voleva la sua famiglia così non stare sempre a casa e dipendere economicamente dai genitori decide di lavorare in un bar non visto di buon d'occhio dai genitori per via del posto e delle persone che lo frequentano.



Quando rimane bloccata in ascensore con lui,non è vestita in modo adeguato così l'uomo si fa un'idea del tutto sbagliata di lei chiamandola addirittura una " prostituta" da quel momento il malinteso tra i due non avrà fine.Se Sophie rimane profondalemnte colpita da quelle parole e si rende conto di aver toccato davvero il fondo per Gray non può fare a meno di dimenticarsi di quegli stivali alquanto sexy.
 Sophie è offesa. Così offesa che decidere di licenziarsi come cameriera in un bar.



 Tornato a Seattle, si dirige verso la  casa dei genitori per la domenica.
Il caso vuole che  Brynn sta portando un nuovo ragazzo a cena per la domenica.Quando i due si incontrano non possono fare a meno di guardarsi negli occhi,con la scusa di andare al bagno entrambi chiariscono il malinteso di alcune settimane prima.  Durante una cena tesa, Sophie rivela di aver lasciato il suo lavoro, e Gray ha bisogno di un assistente personale. Le offre il lavoro, senza sapere nulla delle sue abilità . Naturalmente accetta. Da quel momento in poi Sophie si impegna molto per avere il lavoro, dimostrando che alla gente piace e se ci si mette è brava anche con le trattative.

Tra i due fin dall'inizo oltre all'attrazione fisica che sentono i due si beccano di continuazione un odio/amore tra battibbecchi a lavoro e cene inaspettate a casa di Gray.




Grey un uomo bello,ricco con un'impresa che gestisce tutta sua,ha una fratello e una sorella più piccoli di lui che sono gemilli,i suoi genitori sono morti quando lui era ancora piccolo così si è sempre preso cura dei suoi fratelli. A causa di ciò egli diventa un uomo freddo e distaccato,non è in grado di relazionarsi con le altre persone preferisce stare da solo,è molto arguto nel suo lavoro e nel fare soldi.
 Egli ingaggia Sophie come sua assistente, e se vuole ammetterlo o no, Sophie è così brava con lui e con i suoi dipendenti.



Sarà lo stile dell'autrice ma questo suo romanzo non ho apprezzato molte cose
-solita storia
-entrambi i personaggi non mi hanno fatto impazzire
-finale scontano
-sophie troppe paranoie che si pone
-primi capitoli noiosi

Non è una di quei libri che con il tempo ti rimane impresso nella menoria
 La prossima storia parlarà della sorella ma non ho nessuna intenzione di leggerlo


 
 


Nessun commento:

Posta un commento