mercoledì 26 aprile 2017

Recensione:Se mi lasci ti licenzio di Noelle August







Adam Blackwood ha tutto: è giovane, è sexy, ha una splendida villa a Malibu ed è capo e fondatore di Boomerang, una società di successo che gestisce un frequentatissimo sito di incontri. Il suo sogno, però, è diventare produttore cinematografico e per realizzarlo ha bisogno di un grosso finanziamento. A interessarsi al progetto è un ricco magnate, che manda la figlia, Alison, a lavorare a Boomerang con l'incarico di indagare su Adam e svelare i suoi scheletri nell'armadio. Lei, d'altronde, non desidera altro che dimostrare di essersi lasciata alle spalle un passato burrascoso e di meritare un posto al comando dell'impero di famiglia. Peccato che durante una festa in maschera, prima ancora che il loro rapporto professionale abbia inizio, tra Alison e Adam si accenda una potente attrazione che diventerà sempre più difficile ignorare... anche in ufficio. Ma la passione e - chissà - l'amore possono davvero vincere la sete di carriera, denaro e successo?




Questo che sto per parlavi oggi fa parte della Serie Boomerang secondo volume ,pur non avendo letto il primo volume non ho trovato nessuna difficoltà nell'immergemi nella storia e nei persoanggi perchè la scrittrice è stata brava in questo,non solo come ho dedotto leggendo il romanzo, qui troviamo i precedenti personaggi e il loro proseguimento della storia cosa che ho trovato molto piacevole.





La storia comincia ad una festa di Halloween di Galliano dove arriva Alison, vestita come Catwoman ma si trova lì per lavoro per conto di suo padre. I suoi occhi vanno ad Adam, vestito di Zorro, e come l'attrazione sembra essere reciproca, finiscono per ballare,si ritrovano a fare quasi sesso dentro un'auto e condividono alcuni segreti in un gazebo, ma poi Cookie arriva a informare Adam di aver trovato Alison alla festa e perché Alison è proprio lì ... le cose diventano molto scomode.  

 Adam Blackwood, proprietario del Boomerang, sta progettando di lanciare Blackwood Entertainment con l'aiuto del denaro da Quick Industries. Guidato dal suo tragico passato, Adam ha costruito Boomerang da niente e lui è orgoglioso di questo. Ma sta nascondendo un segreto che può scappare solo quando si avvicina. Quindi, quando scopre che Alison non è estranea a errori come lui, vuole conoscere meglio. A suo modo rigido e orgoglioso che no, Adam.
 

Alison Quick, l'ex di Ethan e la figlia di Graham Quick, è stata impiegata da suo padre per accertare se l'investimento in Blackwood Entertainment sarà valsa la pena. Determinata nel dimostrare a suo padre che è la cosa migliore del suo lavoro nonostante i suoi molti errori, Alison non può lasciare che Adam sia una distrazione.





  Entrambi i personaggi sono molto diversi tra di loro;Adam ha un passato che ancora oggi lo risente,un passato sofferto e lo tiene in bilico tra i ricordi felici e quelli tristi mentre Allison pur essendo giovanassima non va a fatto fiera dell'errore che ha commeso con un suo amore passato e con tutti i guai che ha fatto da adolescente ma non solo una sofferenza e un segreto che porta con se per troppo tempo rischia di esplodere da un momento all'altro dovrà far capire a suo padre che ormai sa badare a se stessa e non è più quella di una volta. 
 Il padre di Allison,con tutti i suoi mezzi e immischiando la figlia nell'investigare sul passato di Adam non si fa scrupoli a indagare su di lui.
Adam non vuole mettere in pericolo la sua probabilità di perdere i soldi d'investimento e Alison deve dimostrare se stessa a suo padre che le cose adesso molto molto cambiate.





Il modo in cui le scrittrici attraverso i pov alernati descrivono i loro incontri e scontri ti tengono incollata nella lettura,alla fine mi sono ritrovata nel tifare Adam per tutto quello che il padre di lei ha dovuto sopportare.

Ci sono due modi per essere ingannati: uno consiste nel credere ciò che non è vero; l'altro nel rifiutarsi di credere ciò che non è vero.


 Una lettura leggera con un paio di scene piccanti e rivelazioni inaspettate.



Nessun commento:

Posta un commento