Recensione:Tutti i miei domani di Jessica Guarnaccia



Titolo:Tutti i miei domani
Auore:Jessica Guarnaccia
Editore:Leggereditore
Prezzo:Euro : 4,99 ebook – 13,60 cartaceo 
Pagine:304


Per la prima volta nella sua vita, Rachel ha preso una decisione importante: scoprire la storia della propria famiglia. Su questo tema il suo integerrimo padre, il pluridecorato generale Blake, le ha sempre mentito, finché una lettera inattesa non ha aperto uno spiraglio su un passato che per troppo tempo le è stato nascosto. C'è un solo uomo ad avere le risposte che Rachel cerca, e un solo luogo in cui trovarle: un nonno di cui ignorava perfino l'esistenza e che vive a Woods Hole. 
Così Rachel lascia Boston alla volta di quel minuscolo villaggio sulla costa del Massachusetts. E se all'inizio del viaggio tutto sembra remarle contro, gli abitanti di Woods Hole si dimostrano ben presto accoglienti e calorosi. Tutti eccetto Aaron Caine, uno speaker radiofonico fastidiosamente attraente, a cui proprio non piace quella principessa viziata arrivata dalla città. Donne simili portano solo guai, lui lo sa bene. Eppure proprio Rachel potrebbe essere l’unica capace di salvare la sua trasmissione... e il suo cuore ferito. 
Tra battibecchi esilaranti, complicità e buona musica, l’attrazione tra Rachel e Aaron finisce per emergere. E, inevitabili, arrivano i veri e tanto temuti guai…



Tanti auguri di buona Pasqua cari amici lettori! Oggi vi parlerò dell’ultimo libro di Jessica Guarnaccia,”Tutti i miei domani”,edito Leggereditore. Venite a scoprire cosa ne penso!




















Grazie a una lettera inattesa finalmente Rachel prende una decisione importante: scoprire la reale storia della sua famiglia,che per troppo tempo gli è stata negata dal freddo e severo generale Blake,suo padre. A questo punto Rachel lascerà Boston per partire alla volta di Woods Hole,un piccolo villaggio,dove vive suo nonno, di cui ignorava l’esistenza,purtroppo affetto da una malattia degenerativa. Nonostante l’inizio del suo viaggio non sia dei migliori,in quest’occasione conoscerà Will,che rappresenta il prototipo dell’abitante di Woods Hole: loquace,accogliente e caloroso. A Woods Hole sono tutti così,tranne Aaron Caine, un burbero e attraente speaker radiofonico,che non riesce proprio a tollerare la presenza di una viziata abitante di città! Ben presto però Aaron capirà che Rachel è l’unica che può salvare la sua trasmissione e forse anche il suo cuore ferito. A questo punto cosa accadrà?!




Complici la trama e la cover sono subito stata attratta da questo romanzo,la cui lettura ha abbastanza soddisfatto le mie aspettative: ora capirete il perché! Il romanzo è narrato dal pov di Rachel con una prosa semplice e fluida,che mi ha catturata sin dall’inizio… Per Rachel,con la quale sono entrata subito in sintonia, questo viaggio è un’occasione per crescere e per acquisire maggiore consapevolezza delle sue capacità:

“Non sto mollando alla prima difficoltà:per la prima volta nella mia vita sto mettendo la felicità di chi amo davanti alla mia. Questo è crescere e fa male da morire.”

Inoltre sarà anche un modo per stabilire una connessione con la sua madre defunta attraverso la lettura dei suoi diari, una scelta che ho molto apprezzato, e finalmente definire il rapporto con suo padre,che pian piano rivelerà la sua vera natura.
Dall’altro lato  abbiamo il burbero e attraente Aaron,un uomo ferito dalla fine di un matrimonio,che non riesce proprio a fidarsi delle donne simili a Rachel… Per quanto riguarda Aaron ho avuto maggiori difficoltà a entrare in sintonia con lui per la scelta dell’autrice di narrare la storia dal solo pov di Rachel,infatti avrei preferito qualche capitolo anche dal punto di vista di Aaron per comprendere più a fondo le sue paure e le sue emozioni.

Valutandolo complessivamente ne consiglio la lettura,perché non è solo una storia di seconde possibilità,ma è anche un modo per scoprire i valori (amore,amicizia e famiglia) nella loro vera essenza. Sicuramente è un romanzo che ho apprezzato,ma l’avrei apprezzato  maggiormente con qualche accorgimento in più: ad esempio avrei snellito qualche punto della narrazione,per porre maggiore attenzione sulla storia tra Rachel e Aaron e sulle loro emozioni.





Commenti

Posta un commento